Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Compliance normativa: definizione, obiettivi e ambiti di riferimento

La compliance normativa riguarda oggi molteplici ambiti della vita aziendale, soprattutto per le piccole e medie imprese.

Uno degli aspetti su cui le norme vigenti pongono una stretta attenzione è la fatturazione elettronica, obbligatoria per la generalità dei soggetti IVA dal 1° gennaio 2019. La disciplina della fatturazione elettronica prevede precise specifiche tecniche per l’emissione, la trasmissione e la conservazione digitale dei documenti fiscali.

Gestire la compliance normativa in quest’area può risultare complesso per le PMI, data la necessità di inviare e ricevere fatture in formato elettronico, nel rispetto di rigorosi standard di interoperabilità. Per agevolare le imprese nell’adempimento degli obblighi introdotti, sono nate piattaforme online come FatturaPro https://fatturapro.click/, in grado di supportare l’intero ciclo di vita della fatturazione elettronica fornendo servizi quali la generazione dei documenti XML, la loro certificazione e il deposito nell’archivio digitale.

Grazie a soluzioni come questa, le piccole e medie realtà produttive sono in grado di gestire la compliance normativa in materia fiscale in modo efficace, semplice e veloce, pur non disponendo di cospicue risorse economiche. Il controllo sistematico sull’emissione, l’invio e la conservazione delle fatture elettroniche diventa così accessibile anche alle PMI, le quali possono concentrarsi sulla propria attività primaria certamente del rigoroso soddisfacimento degli obblighi di legge in un’ottica di compliance normativa.

Guida all'articolo

Compliance normativa: cos’è e quali sono i principali obiettivi

La compliance normativa è il processo attraverso cui un’organizzazione si adegua e rispetta tutte le leggi, le normative e le linee guida applicabili alla propria attività.

Gli obiettivi primari della compliance normativa sono tre: proteggere l’organizzazione da sanzioni in caso di violazioni, prevenire rischi legali e reputazionali, guidare comportamenti e processi interni in linea con lo spirito e la lettera della legge.

Nel dettaglio, la compliance normativa mira ad assicurare che l’intera attività aziendale, dalla produzione alla commercializzazione fino alla gestione del personale, si svolga secondo i dettami previsti dal diritto applicabile: dalle normative finanziarie a quelle fiscali, passando per la sicurezza sul lavoro, la protezione dei dati personali e tutte le altre discipline di volta in volta rilevanti per il core business dell’impresa.

Soddisfare i requisiti di compliance normativa richiede di mappare e comprendere l’intero corpus di norme e regolamenti cui l’azienda è assoggettata, restando aggiornati sulla continua evoluzione legislativa. Occorre inoltre valutare attentamente i rischi di non conformità e progettare sistemi e procedure interne mirate alla prevenzione di potenziali violazioni, con controlli periodici sul corretto funzionamento.

In particolare, un efficace programma di compliance normativa deve prevedere attività di formazione e sensibilizzazione rivolte a tutti i dipendenti, in modo da fare sì che ciascuno conosca le norme con cui opera e le modalità per gestire situazioni potenzialmente a rischio.

La corretta gestione della compliance normativa è un processo continuo volto ad assicurare che l’organizzazione risponda in maniera proattiva a tutte le disposizioni di legge applicabili, prevenendo conflitti con l’ordinamento giuridico. Solo attraverso la compliance normativa un’azienda può creare valore nel lungo periodo, tutelando al contempo la propria reputazione.

Normativa compliance: le principali aree di interesse

Le principali aree di interesse della compliance normativa comprendono diversi ambiti normativi rilevanti per l’operato di un’organizzazione. In primo luogo, la normativa fiscale: la corretta applicazione di leggi e regolamenti in ambito di tassazione, dalle imposte sui redditi all’IVA, è fondamentale per rispettare gli obblighi di versamento nei confronti dell’erario.

Altra area cruciale è la compliance finanziaria, volta a garantire il rispetto di norme come quelle antiriciclaggio o la trasparenza nei rapporti con clienti e fornitori, a tutela dell’integrità del sistema finanziario. Rilevante è inoltre la compliance privacy, attraverso cui assicurare il corretto trattamento dei dati personali secondo quanto previsto dalla normativa sulla protezione dei dati personali.

La salute e sicurezza sul lavoro costituisce poi una materia sensibile, connessa al rispetto di tutte le disposizioni volte a prevenire infortuni e garantire condizioni di lavoro rispettose della dignità dei dipendenti. Da menzionare infine l’ambito concorrenziale e antitrust, necessario ad evitare qualsiasi comportamento lesivo del libero mercato secondo le regole stabilite a livello nazionale e dell’Unione Europea.

La compliance normativa si estende trasversalmente a tutte le aree di business aziendali, essendo necessario garantire il rispetto del quadro regolamentare applicabile, dalla gestione delle risorse umane alla commercializzazione dei prodotti, al fine ultimo di condurre l’attività nel pieno rispetto dell’ordinamento.

Dicci la tua su questo articolo:

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...

Hai trovato l’articolo interessante? Condividilo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
FACEBOOK
Condividi su twitter
TWITTER
Condividi su linkedin
LINKEDIN
Condividi su whatsapp
WHATSAPP
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
LASCIA UN COMMENTO
cookie
Questo sito utilizza cookie anche di terze parti per migliorare l'esperienza utente, per motivi statistici e per permettere la funzionalità di alcuni elementi. Maggiori informazioni